Brevi cenni biografici di san Massimiliano Kolbe Massimiliano   Maria   Kolbe    nasce   a   Zdunska-Wola   nella   Polonia   centrale   l’8   gennaio   1894.   Il   giorno   stesso   della   sua   nascita   viene battezzato   con   il   nome   di   Raimondo.   Frequenta   le   scuole   primarie   a   Pabianice,   e   comincia   sin   dalla   più   tenera   età   a   percepire   un invito   alla   vita   religiosa,   un   fortissimo   richiamo   che   lo   lega   soprattutto   alla   fede   per   la   Vergine   Maria.   Nel   1907   entra   nel   Seminario   dei Frati   Minori   Conventuali   di   Leopoli,   dove   capisce   che   l’Ordine   che   meglio   si   addice   alla   sua   vocazione   è   quello   fondato   da San Francesco   d’Assisi.   Il   4   settembre   del   1910   comincia   il   noviziato   per   entrare   nelle   fila   dei   francescani   con   il   nome   di   Massimiliano.   Per completare   la   sua   preparazione   religiosa   e   teologica   si   trasferisce   a   Roma,   dove   rimane   dal   1912   al   1919   nel   Collegio   Serafico Internazionale   dell’Ordine   Francescano.   Emette   la   professione   solenne   nel   1914   con   il   nome   di   Massimiliano   Maria.   Continua   intanto   a studiare   e   si   laurea   prima   in   filosofia   nel   1915   e   poi   in   teologia   nel   1919.   Celebra   la   prima   messa   nel   1918   in   quella   Chiesa   romana   di S. Andrea delle Fratte, conosciuta per l’apparizione della Vergine Immacolata ad Alfonso Ratisbonne. Padre   Kolbe   si   sente   talmente   coinvolto   nel   suo   ordine   e   nella   vita   della   chiesa   da   desiderare   di   dar   vita   ad   una   pratica   di rinnovamento.   Guidato   dall’enorme   fede   nella   Vergine   Immacolata,   fonda   il   16   ottobre   1917   la   Milizia   di   Maria   Immacolata,   definita con l’abbreviativo M.I., insieme a sei suoi confratelli, nella città di Roma presso il Collegio internazionale dell’OFMConv di S. Teodoro. La   milizia   stabilisce   la   sua   sede   principale   in   Polonia   dopo   che   l’arcivescovo   di   Cracovia   concede   il   consenso   a   stampare   la   Pagella   di iscrizione   e   a   reclutare   fedeli.   In   questo   periodo   la   sua   salute   peggiora   al   punto   da   costringerlo   a   permanenze   sempre   più   prolungate nel   sanatorio   di   Zakopane   per   curare   la   tubercolosi.   Continua   però   con   la   sua   opera   di   reclutamento   di   fedeli,   resa   più   agevole   dalla pubblicazione,   a   partire   dal   1922,   della   rivista   ufficiale   della   M.I:   “Il   Cavaliere   dell’Immacolata”.   La   tiratura   iniziale   è   di   appena cinquemila copie, che però poi diventeranno addirittura un milione nel 1938. Le   adesioni   arrivano   numerose,   e   Massimiliano   Maria   Kolbe   stabilisce   nel   convento   di   Grodno   il   centro   editoriale   autonomo   della   sua rivista.   Nel   1927   dà   vita   nei   pressi   di   Varsavia   alla   costruzione   di   un   convento-città:   Niepokalanow   (Città   dell’Immacolata).   Questa città   convento   diventa   una   vera   e   propria   comunità   francescana,   con   un   forte   impatto   vocazionale   che   si   trasforma   anche   in   necessità di   evangelizzazione.   Padre   Massimiliano   Kolbe   parte   così   per   il   Giappone:   è   il   1930.   Approda   a   Nagasaki dove   costruisce   un   convento- città    con    il    nome    di    Giardino    dell’Immacolata.    I    risultati    apostolici    sono    notevoli:    si    contano,    infatti,    moltissime    conversioni. Massimiliano   comincia   a   pensare   di   fondare   varie   Città   dell’Immacolata   in   giro   per   il   mondo,   ma   nel   1936   è   costretto   a   ritornare   in Polonia.   Nel   periodo   1936-1939   l’attività   della   Milizia   dell’Immacolata   raggiunge   il   suo   culmine   e   nel   1937   per   la   ricorrenza   ventennale della fondazione dell’Ordine viene creata a Roma una Direzione Generale. Il   nazismo   comincia   intanto   a   conquistare   sempre   più   potere   e   nel   monastero   vicino   a   Varsavia   i   frati   accolgono   profughi   e   feriti   sia cristiani   che   ebrei.   Il   19   settembre   1939   la   polizia   nazista   rinchiude   i   frati   nel   campo   di   Amtitz   in   Germania.   Padre   Kolbe   induce   i propri   confratelli   a   continuare   la   loro   attività   missionaria   anche   nel   campo   e   nel   mese   di   dicembre   i   frati   riescono   a   tornare   nel convento.   La   nuova   amministrazione   nazista   che   si   è   insediata   in   Polonia   è   consapevole   del   carisma   e   del   seguito   di   fedeli   che Massimiliano   si   è   conquistato   negli   anni   e   anche   della   sua   affermazione   secondo   cui   gli   aderenti   della   Milizia   dell’Immacolata sarebbero   disposti   a   donare   la   vita.   Così   per   poterlo   arrestare,   la   Gestapo   lo   incrimina   con   l’inganno.   Il   17   febbraio   1941   Massimiliano Kolbe   viene   rinchiuso   nel   carcere   di   Pawiak   e   il   28   maggio   viene   trasferito   nel   campo   di   concentramento   di   Auschwitz,   dove   viene immatricolato con il numero 16670. Pur   essendo   rinchiuso   in   questo   orribile   luogo,   continua   la   sua   attività   religiosa   accettando   le   sofferenze   e   perdonando   apertamente   i propri   carnefici.   Prende   il   posto   di   un   altro   prigioniero   condannato   con   altri   nove   uomini   per   ingiusta   rappresaglia   e   viene   rinchiuso   in un   bunker   senza   né   cibo   né   acqua.   Dopo   due   settimane   di   questa   tortura,   Massimiliano   ed   altri   quattro   prigionieri   sono   ancora   vivi. Hanno passato tutti e quindici i giorni a pregare e cantare inni all’Immacolata. Il    14    agosto    1941,    giorno    della    vigilia    della    Festa    dell’Assunzione    di    Maria    al    cielo,    padre    Massimiliano    Maria    Kolbe    muore ad Auschwitz, ucciso da una iniezione di acido fenico. Papa   Paolo   VI   lo   proclama   Beato   il   17   ottobre   1971;   il   10   ottobre   1982   papa Giovanni   Paolo   II   lo   proclama   martire   della   carità   e patrono dei nostri difficili tempi. Cronologia 1894 Raimondo   Kolbe   nasce   l’8   gennaio   a   Zdunska   Wola,   distretto   di   Sieradz,   provincia   di   Lodz,   diocesi   di   Wlocawek,   in   Polonia   allora   sotto dominazione russa. È   il   secondo   dei   cinque   figli   (due   moriranno   in   tenera   età)   di   Giulio   Kolbe   e   Maria   Dabrowska.   Viene   battezzato   lo   stesso   giorno   nella chiesa parrocchiale dell’Assunta. 1895 La   famiglia   Kolbe   lascia   Zdunska   Wola   e   va   a   stabilirsi   a   Lodz   (per   un   anno)   dove   nasce   il   terzo   figlio,   Giuseppe   (il   futuro   Padre Alfonso). Quindi   a   Jutrzkowice   (località   vicino   a   Pabianice   che   appartiene   alla   parrocchia   di   S.   Matteo)   ove   nasce   il   quarto   figlio,   Valentino;   e infine si trasferisce a Pabianice. 1902 Raimondo   riceve   la   prima   Comunione   il   29   giugno   nella   chiesa   parrocchiale   di   S.   Matteo   a   Pabianice   dalle   mani   del   parroco   don Edoardo Szulc. 1904 La Vergine mostra a Raimondo due corone, una bianca a simbolizzare la purezza e l’altra rossa a significare il martirio. 1906 Raimondo frequenta la scuola commerciale di Pabianice. 1907 In   prossimità   della   Pasqua,   attratti   dalla   predicazione   di   P.   Pellegrino   Haczela,   in   occasione   delle   missioni   popolari   a   Pabianice, Raimondo e suo fratello Francesco chiedono l’ammissione nel seminario minore dei Frati Minori Conventuali di Leopoli (Lwów). Il   18   agosto,   Raimondo   riceve   il   sacramento   della   Cresima   nella   chiesa   parrocchiale   di   Maria   Assunta   a   Zduwska   Wola,   dalle   mani   del Vescovo mons. Casimiro Zdzitowiecki. A settembre Raimondo e suo fratello Francesco entrano nel piccolo seminario dei Frati Minori Conventuali di Leopoli. 1908 Maria   Kolbe,   con   il   consenso   del   marito,   si   ritira   presso   le   Suore   Benedettine   di   Leopoli   e,   dal   1913,   presso   le   Suore   Feliciane   di Cracovia, come terziaria e oblata. 1910 Il   4   settembre   Raimondo   Kolbe   inizia   a   Leopoli   il   noviziato   nell’Ordine   dei   Frati   Minori   Conventuali   indossando   l’abito   francescano   e assumendo il nome di fra Massimiliano. 1911 Il   5   settembre   Frate   Massimiliano   emette   la   professione   semplice   temporanea   a   Leopoli,   nelle   mani   del   Ministro   Provinciale,   p. Pellegrino Haczela. 1912 Il 4 luglio Kolbe lascia Leopoli per trascorrere le vacanze estive nel convento di Kalwaria Paclawska. A   settembre   Viene   inviato   a   Cracovia,   al   seminario   maggiore   della   sua   Provincia,   dove   viene   poi   scelto   per   andare   a   frequentare   gli studi superiori a Roma. Il 28 ottobre parte per Roma. Il 30 ottobre arriva a Roma al Collegio Serafico Internazionale. Il 19 novembre inizia gli studi filosofici presso l’Università Gregoriana di Roma. 1913 Quest’anno e l’anno seguente passa le vacanze estive nel convento di Zagarolo presso Roma. 1914 Il 28 luglio l’Austria dichiara guerra alla Serbia ed è l’inizio della prima guerra mondiale. Agli inizi della guerra muore Giulio Kolbe. Molto   probabilmente,   fatto   prigioniero   dai   Russi,   viene   giudicato   per   direttissima   e   giustiziato   per   tradimento   (con   ogni   probabilità, impiccato). Il   1   novembre,   Fra   Massimiliano,   nella   cappella   del   Collegio   serafico   internazionale   a   Roma,   emette   la   sua   professione   solenne   nelle mani del Vicario generale dell’Ordine, R Domenico Tavani, e aggiunge al suo nome di Massimiliano quello di Maria. 1915 Il   4   maggio,   all’inizio   della   guerra   contro   l’Austria,   frate   Massimiliano   si   reca   per   un   mese   circa   al   convento   di   San   Francesco   a   San Marino, il tempo di sbrigare le pratiche per il suo passaporto russo, grazie al quale potrà restare in Italia. Il 22 ottobre Consegue il dottorato in filosofia. Il 4 novembre Inizia gli studi teologici presso la pontificia Facoltà Teologia di S. Bonaventura dei Frati Minori Conventuali in Roma. 1916 Il   21   settembre,   dopo   tre   anni   di   rettorato   di   Padre   Luigi   Bondini,   diventa   rettore   del   Collegio   Serafico   Internazionale   Padre   Stefano Ignudi. 1917 Il    20    gennaio,    nel    giorno    del    75°    anniversario    dell’apparizione    dell’Immacolata    ad    Alfonso    Ratisbonne,    Fra    Massimiliano    ha l’ispirazione di fondare un’associazione mariana, durante la meditazione nella cappella del Collegio Serafico Internazionale di Roma. In estate, viene colpito da una grave crisi di emotisia. Dal 4 settembre al 10 ottobre viene mandato a riposare a Viterbo. Il   16   ottobre,   con   sei   confratelli   del   Collegio   Serafico   Internazionale   di   Roma,   fonda   la   “Milizia   dell’Immacolata”   (M.I.)   un   movimento mariano di preghiera e d’azione. Il 28 ottobre è ordinato diacono. 1918 Il 28 aprile è ordinato sacerdote dal cardinale Basilio Pompili nella chiesa di S. Andrea della Valle. Il   29   aprile   celebra   la   sua   prima   messa   nella   chiesa   di   S.   Andrea   delle   Fratte   all’altare   dove   l’Immacolata   era   apparsa   ad   Alfonso Ratisbonne nel 1842. Dal 17 luglio al 29 ottobre, soggiorna ad Amelia. Il 18 ottobre Padre Antonio Glowinski, cofondatore della M.I., muore a 27 anni di “febbre spagnola”. Il 31 ottobre, Fra Antonio Mansi, cofondatore della M.I., muore a 23 anni colpito, anche lui, dalla “febbre spagnola”. 1919 Il 28 marzo, su richiesta di Monsignor Dominique Jaquet, il Papa Benedetto XV benedice, a viva voce, la Milizia dell’Immacolata. Il 4 aprile il Vicario generale dell’Ordine, Padre Domenico Tavani, benedice e conferma per iscritto la Milizia dell’Immacolata. Il 24 maggio Padre Massimiliano termina i suoi esami per il dottorato in teologia. Dal 4 giugno al 9 luglio si reca al convento di San Francesco a Ravello. Da lì, va a Salerno, Scala, Amalfi e Portici. L’11 luglio si reca prima ad Assisi e poi, il 14, a Loreto (AN) dove celebra nella santa casa. Il 22 luglio Padre Massimiliano consegue il dottorato in teologia presso la pontificiaFacoltà Teologica di S. Bonaventura in Roma. Il 23 luglio Padre Massimiliano lascia Roma e fa ritorno in Polonia. Il 29 luglio arriva a Cracovia. Dal 16 al 30 agosto si reca a Radomsko, Czestochowa, Zdunska Wola, Pabianice. Ad ottobre Inizia l’insegnamento della storia ecclesiastica nel seminario dei Frati Minori Conventuali di Cracovia. Il    20    dicembre,    L’arcivescovo    di    Cracovia,    mons.    Adamo    Stefano    Sapieha,    permette    di    stampare    lo    statuto    della    Milizia dell’Immacolata in lingua polacca. 1920 Dal   18   giugno   al   22   luglio,   Padre   Massimiliano   soggiorna   a   Leopoli   per   sostituire   P.   Venanzio   Katarzyniec,   maestro   dei   novizi, ammalato. L’11    agosto    Padre    Massimiliano    si    reca    a    Zakopane    (oggi    Ospedale    per    malattie    infettive)    per    curarsi    di    tubercolosi; contemporaneamente fa da cappellano dell’Ospedale Climatico e vi rimane più di 8 mesi. 1921 Il 29 aprile lascia Zakopane e si ferma qualche giorno a Cracovia. Il 4 maggio arriva a Nieszawa dove trascorre la convalescenza. Il 5 novembre è di ritorno a Cracovia. 1922 Il   2   gennaio   il   Vicario   della   diocesi   di   Roma,   cardinal   Pompilj,   approva   la   Milizia   dell’Immacolata   come   “Pia   Unione   della   Milizia   di Maria Immacolata”. A gennaio esce a Cracovia il primo numero dell’organo della M.I., dal titolo Rycerz Niepokalanej; la tiratura è di 5.000 copie. Dal 3 agosto al 2 settembre Padre Massimiliano è a Maszna Dolna. Il   19   ottobre   lascia   Cracovia   e   passa   da   Varsavia   prima   di   andare   a   Grodno.   La   redazione   del   RN   viene   trasferita   da   Cracovia   a Grodno. Il 20 ottobre arriva a Grodno per pubblicarvi il Rycerz Niepokalanej. Il 27 novembre va a Cracovia per l’acquisto della prima macchina tipografica. A   dicembre   il   numero   di   gennaio   1923   del   RN   (Rycerz   Niepokalanej)   viene   stampato   con   una   macchina   tipografica   propria,   azionata   a mano. 1923 Il 29 marzo si reca per la prima volta al santuario mariano d’Ostra Brama a Wilno. 1924 Dal 16 al 22 agosto, va a Varsavia e a Czestochowa e poi a Cracovia per il Capitolo provinciale. Da   Novembre   a   dicembre   viene   stampato   il   primo   calendario-almanacco   del   RN   Rycerz   Niepokalanej   per   l’anno   1925   con   tiratura   di 12.000 copie. 1925 A dicembre, Suo fratello, Padre Alfonso, lo raggiunge a Grodno. 1926 Il   28   agosto,   durante   il   primo   Congresso   dei   Cattolici   polacchi   a   Varsavia   (2830   VIII)   Padre   Massimiliano   parla   sulla   vocazione   e   la responsabilità del giornalista. Il raduno, tra l’altro, auspica la pubblicazione di un quotidiano cattolico. Il 18 settembre Padre Massimiliano deve recarsi nuovamente a Zakopane per curare la tubercolosi, dove resta per circa 7 mesi. Il   20   novembre   il   Pontefice   Pio   XI   invia   la   propria   benedizione   al   RN   Rycerz,   Niepokalanej   in   occasione   del   quinto   anniversario   della sua fondazione. Il 18 dicembre il Pontefice Pio XI concede le indulgenze alla M.I. eretta nel Collegio serafico internazionale di Roma. 1927 Il 13 aprile Padre Massimiliano termina la cura a Zakopane. Il   23   aprile   Papa   Pio   XI   eleva   la   sede   della   M.I.   situata   nel   Collegio   Serafico   Internazionale   di   Roma   in   Sedes   primaria,   cioè   come   sede centrale per tutta la M.I, conferendogli quindi la facoltà di aggregarsi le filiali erette dai vescovi. Il   13   giugno   Padre   Massimiliano   si   incontra   con   don   J.   Ciborowski,   parroco   di   Adamowice,   per   esaminare   la   possibilità   di   ottenere   dal principe Giovanni Drucki Lubecki un appezzamento di terreno nelle vicinanze di Varsavia per edificare un convento-redazione. L’11   luglio   inizia   le   trattative   con   l’amministratore   del   principe   Drucki   Lubecki   e   con   il   principe   stesso   per   ottenere   il   terreno   per l’edificazione   del   nuovo   convento-redazione.   Il   principe   precisa   le   condizioni   in   base   alle   quali   cede   un   appezzamento   di   cinque “morga”   della   propria   tenuta   di   Teresin.   (40   chilometri   da   Varsavia)   che   accoglierà   il   convento   –   casa   editrice   che   verrà   chiamato “Città dell’Immacolata” o “Niepokalanów”. Il   21   luglio   Padre   Massimiliano   è   insignito   del   titolo   di   “maestro   dell’Ordine”   dal   Ministro   Generale   p.   Alfonso   Orlini,   durante   il   Capitolo provinciale tenuto a Leopoli in data 19-21 VII 1927 e da il suo beneplacito per la fondazione di Niepokalanów. Il   6   agosto   ha   luogo   la   benedizione   della   statua   dell’Immacolata   a   Teresin,   come   “prima   pietra”   sullo   spiazzo   antistante   il   futuro convento-editoria. Il 5 ottobre inizia la costruzione del convento-editoria. Il 31 ottobre elezione canonica del convento di “Niepokalanòw”. Il 21 novembre i religiosi addetti al complesso editoriale del RN si trasferiscono da Grodno a Niepokalanòw. Il 20 novembre Padre Massimiliano e i suoi confratelli lasciano Grodno per arrivare il giorno dopo a Niepokalanów. Il   7   dicembre   il   Ministro   Provinciale,   padre   Cornelio   Czupryk,   benedice   il   nuovo   convento.   La   famiglia   religiosa   è   composta   di   2   padri   e 18 fratelli. Superiore è p. Massimiliano Kolbe. 1928 Il 21 luglio il noviziato per i religiosi fratelli viene trasferito da Leopoli a Niepokalanòw. 1929 Il 20 giugno Padre Girolamo Biasi, cofondatore della M.I., muore a 31 anni di tubercolosi. Il 19 settembre apertura del seminario missionario minore a Niepokalanòw. 1930 Dal   14   gennaio   al   5   febbraio   Padre   Massimiliano,   allo   scopo   di   preparare   la   fondazione   di   una   missione   in   Estremo   Oriente, intraprende un pellegrinaggio in Europa. Visitan   Vienna,   Roma,   Padova,   Assisi,   Torino,   Marsiglia,   Lourdes,   Parigi   (Rue   du   Bac),   Lisieux,   Augsburg,   Strasbourg   Wrzburg,   Berlino, Toruw, Aleksandrow Kujawski. Il 6 febbraio è di ritorno a Niepokalanów. Il   26   febbraio   i   primi   missionari   (p.   Massimiliano,   fr.   Zeno   Zebrowski,   fr.   Ilario   Wúysakowlski,   fr.   Severino   Dagis,   fr.   Sigismondo   Krol) partono da Niepokalanòw per l’estremo oriente. Il tragitto: in treno da Varsavia passa per Vienna, Padova e Roma. Il   7   marzo,   si   imbarcano   con   la   nave   “Angers”   da   Marsiglia   per   Port-Said,   Gibuti,   Colombo,   Singapore,   Saigon,   Hong-Kong,   Shanghai, dove   p.   Massimiliano   si   trattiene   12   giorni.   Fr.   Severino   e   fr.   Sigismondo   rimangono   a   Shanghai   in   attesa   di   fondare   una   rivista mariana in lingua cinese. Dopo una sosta, p. Massimiliano prosegue il viaggio per Nagasaki. Il   24   aprile,   Padre   Massimiliano,   fr.   Zeno   e   fr.   Ilario   giungono   a   Nagasaki.   Il   Vescovo   del   luogo,   mons.   Gennaro   Hayasaka,   accoglie benevolmente   i   missionari   e   permette   la   pubblicazione   di   una   rivista   mariana   in   lingua   giapponese.   P.   Massimiliano   si   impegna nell’insegnamento della filosofia nel seminario diocesano. I missionari prendono in affitto un’abitazione nei pressi alla cattedrale. Il 24 maggio, A Nagasaki viene pubblicato il primo numero del Mugenzai no Seibo no Kishi, stampato nella tiratura di 10.000 copie. Dal   12   giugno   al   3   luglio,   Padre   Massimiliano   si   reca,   via   Siberia,   (prendendo   la   transiberiana)   in   Polonia   per   partecipare   al   Capitolo Provinciale a Leopoli (21-24 VII). Il   24   luglio,   Il   Capitolo   Provinciale   conferma   p.   Massimiliano   nella   carica   di   superiore   della   missione   giapponese   e   nomina   suo   fratello, p. Alfonso Kolbe, Guardiano di Niepokalanòw. Dal   13   al   25   agosto,   Padre   Massimiliano   con   due   chierici,   fr.   Mieczyslaw   Mirochna   e   fr.   Damiano   Eberl,   ritorna   a   Nagasaki attraversando la Russia, la Siberia e la Corea. Il 15 ottobre, rescritto della Congregazione dei Religiosi per l’erezione canonica di una Città dell’Immacolata a Nagasaki. Il   3   dicembre,   muore,   a   Varsavia   nell’ospedale   di   via   Koszykowa,   p.   Alfonso   Kolbe,   superiore   di   Niepokalanòw.   Gli   succede   p.   Floriano Koziura. Il 7 dicembre, apprende la notizia della morte di suo fratello, P. Alfonso, avvenuta in modo brutale. 1931 Il   16   maggio,   la   sede   editoriale   de   Kishi   viene   trasferita   dalla   casa   affittata   nel   quartiere   Oura   di   Nagasaki,   nei   pressi   della   cattedrale di Nagasaki, al sobborgo di Hongochi, alle falde del monte Hikosan. In questo luogo i missionari polacchi edificano un convento, che prende il nome di “Mugenzai no Sono” (Giardino dell’Immacolata). 1932 L’11 febbraio, esce per la prima volta a Padova la rivista mensile “Il Cavaliere dell’Immacolata”. Il   26   marzo,   Padre   Massimiliano   e   i   suoi   confratelli   pronunciano   il   quarto   voto   con   il   quale   si   impegnano   ad   essere   disposti   a   tutto   per l’Immacolata, anche ad essere inviati nelle missioni più difficili. Dal   29   maggio   al   24   luglio,   Padre   Massimiliano   si   reca   in   India   con   la   nave   giapponese   “Africa   Maru”,   allo   scopo   di   sondare   la possibilità di costituire una terza Niepokalanòw. Dopo vari incontri con persone responsabili ad Ernakulam, ritorna a Nagasaki. L’8 dicembre, l’arcivescovo di Verapoly da il suo consenso per una fondazione in India. 1933 Il 7 aprile, Padre Massimiliano ritorna in Europa via mare per partecipare al Capitolo provinciale che si terrà a Cracovia. Il 14 maggio, assiste alla beatificazione di Gemma Galgani, in Roma. A   maggio,   esce   per   la   prima   volta   il   Rycerzyk   Niepokalanej   –   mensile   per   bambini   –   che   cinque   anni   più   tardi   avrà   una   tiratura   di 165.000 copie. Dal 7 aprile al 30 maggio, ritorna, via mare, in Polonia per il Capitolo Provinciale; sosta per tre settimane a Roma. Da   giugno   fino   al   2   luglio,   si   reca   in   diverse   città   della   Polonia   (Gniezno,   Poznan,   Cracovia,   Varsavia)   per   tenere   delle   conferenze   sulla missione del Giappone. Dal   31   giugno   al   4   ottobre,   Padre   Massimiliano   torna   in   Giappone   imbarcandosi   a   Venezia   sulla   nave   “Conte   Rosso”.   Lo   accompagna p. Cornelio Czupryk, nuovo superiore di Mugenzai no Sono. Dal   17   al   20   luglio,   Partecipa   al   Capitolo   Provinciale   che   si   svolge   a   Cracovia   e   riferisce   sulla   situazione   della   missione   giapponese. Viene   nominato   superiore   di   Nagasaki   il   Ministro   Provinciale   uscente   p.   Cornelio   Czupryk.   P.   Massimiliano   rimane   redattore   del   Kishi   e contemporaneamente si occupa della M.I. in tutto il mondo. Il   14   agosto,   Il   Nunzio   apostolico   in   Polonia,   mons.   Francesco   Marmaggi,   battezza   ad   Otwock   il   Ministro   plenipotenziario   giapponese Francesco Kawai, che era stato preparato da p. Massimiliano. Dal 4 al 7 settembre, ripassa da Padova, Roma e Assisi. Il 9 settembre, si imbarca a Venezia. Il 4 ottobre, arriva a Nagasaki. 1934 Il 24 gennaio, l’arcivescovo di Tokyo fa visita a Padre Massimiliano. 1935 Il 27 maggio appare per la prima volta a Niepokalanów un quotidiano, il Maly Dziennik. Nel 1939 il quotidiano supererà il traguardo di 135.000 copie nei giorni lavorativi, e 250.000 la domenica. 1936 Il 16 aprile – Si apre il seminario minore a Mugenzai no Sono. Dal   23   maggio   al   23   giugno   1936,   Padre   Kolbe   lascia   (definitivamente)   il   Giappone   e   viaggia   in   nave   fino   a   Genova,   passando   per Manila. Prosegue, quindi, in treno fino in Polonia. Il 23 giugno 1936, Kolbe ritorna a Niepokalanów. Dal 13 al 16 luglio, partecipa al Capitolo Provinciale a Cracovia. Viene nominato Guardiano di Niepokalanòw, in Polonia. Il   1   ottobre,   il   Ministro   Generale   dell’Ordine,   p.   Beda   Hess,   su   richiesta   del   Capitolo   Provinciale   (VII   1936),   nomina   p.   Massimiliano “definitore perpetuo” della Provincia religiosa polacca. L’8 dicembre, per iniziativa del padre Massimiliano, l’Ordine dei Frati Minori Conventuali si consacra all’Immacolata. 1937 Il 10 gennaio, ad alcuni confratelli confida che gli è stato promesso il paradiso. A   metà   febbraio,   Padre   Massimiliano   si   reca   in   Italia   (Roma,   Piglio,   Assisi,   Padova)   il   viaggio   durerà   meno   di   un   mese   per riorganizzare la M.I. e prendere parte alle riunioni e ai festeggiamenti per il ventennio di esistenza del movimento mariano. L’8   dicembre,   parla   alla   Radio-Varsavia   in   occasione   del   decimo   anniversario   della   fondazione   di   Niepokalanòw.   Inoltre   dà   inizio   ad   un piano quinquennale per rendere più efficiente l’azione della M.I. in Polonia. 1938 Il 2 febbraio, parla nuovamente alla Radio-Varsavia sul tema: Niepokalanòw nello scorso anno. A   febbraio,   esce   per   la   prima   volta   la   rivista   trimestrale   Miles   Immaculatae,   mentre   il   Rycerz   Niepokalanej   continua   a   progredire: partito da 5.000 copie nel 1922, nel 1928 supera le 100.000 copie, arriva a 500.000 nel 1932 ed a 1.000.000 nel 1938. Dal 6 al 10 marzo, va a Berlino e a Lipsia. Il 6 agosto, primo pellegrinaggio della comunità di Niepokalanów a Czestochowa. L’8   dicembre,   a   Niepokalanòw   si   effettua   la   prima   prova   di   trasmissione   della   nuova   stazione   radio   emittente   SP   3   RN   (Stazione Polacca 3 Radio Niepokalanòw). P. Massimiliano apre la trasmissione con un discorso. 1939 Il   23   agosto,   la   Provincia   religiosa   polacca   dei   Frati   Minori   Conventuali   viene   divisa   in   due   Province:   la   prima,   di   S.   Antonio   di   Padova e   del   B.   Giacomo   da   Strepa,   con   sede   a   Cracovia:   l’altra,   dell’Immacolata   Concezione   della   B.V.   Maria;   con   sede   a   Varsavia. Niepokalanòw è aggregata alla Provincia dell’Immacolata. L’8   dicembre,   P.   Massimiliano   apre   con   un   discorso   la   prima   trasmissione   dell’emittente   radio   di   Niepokalanów   SP3RN   (Stazione Polacca 3 Radio Niepokalanòw). Dal   23   al   26   maggio,   Padre   Massimiliano   si   reca   in   Lettonia   per   prender   visione   del   terreno   offerto   da   Giuseppe   Linkiewicz   in   località Romanowka, per fondare una Niepokalanòw in Lettonia. 25   agosto,   P.   Massimiliano   viene   confermato   Guardiano   di   Niepokalanòw,   dal   Capitolo   provinciale   di   Cracovia   svoltosi   nei   giorni   23-25 VIII viene confermato Guardiano di Niepokalanów. A settembre, ;a comunità di Niepokalanów conta più di 750 membri: 609 frati, 13 sacerdoti, 15 chierici-novizi e 120 seminaristi. Il 1 settembre, l’armata tedesca invade la Polonia, segnando l’inizio della seconda guerra mondiale. Il   5   settembre,   per   ordine   dei   superiori,   la   maggior   parte   dei   frati   di   Niepokalanów   si   disperde,   ma   P.   Massimiliano   resta   con   una cinquantina di religiosi. Il   27   luglio,   P.   Massimiliano   partecipa   al   raduno   dei   rappresentanti   della   stampa   nella   sede   della   Presidenza   del   Consiglio   dei   Ministri   a Varsavia. Il   17   settembre,   dopo   i   bombardamenti   dei   giorni   precedenti,   le   truppe   tedesche   occupano   Niepokalanów   e   saccheggiano   tutto fuorché il materiale della tipografìa, sul quale vengono apposti i sigilli. Il   19   settembre,   P.   Massimiliano   viene   arrestato   assieme   ad   altri   35   frati.   Viene   tratto   in   arresto   dalle   truppe   tedesche   con   p.   Pio Bartosik,   il   chierico   giapponese   fr.   Lodovico   Kim   e   35   fratelli.   Rimangono   prigionieri   nei   campi   di   concentramento   di   Lamsdorf (Lambinowice) dal 21 IX, di Amtitz (Gabice) dal 24 IX e di Ostrzeszow dal 9 XI. L’8 dicembre, P. Massimiliano e i suoi confratelli vengono messi in libertà ad Ostrzeszow. 1940 Niepokalanów accoglie a migliaia gli espulsi dalla Polonia occidentale, fra i quali molti ebrei. Il   20   novembre,   le   autorità   tedesche,   su   richiesta   di   p.   Massimiliano,   danno   il   permesso   di   stampare   un   solo   numero   de   RN   (dicembre 1940-gennaio 1941) esclusivamente per la zona di Varsavia, nella tiratura di 120.000 copie. 1941 Il   17   febbraio,   P.   Massimiliano   viene   arrestato   per   la   seconda   volta   e   portato   nella   prigione   di   Pawiak   di   Varsavia   con   altri   quattro Padri,   tra   i   quali   P.   Pius   Bartosik   e   P.   Antonin   Bajewski   che   saranno   proclamati   beati   il   13   giugno   1999   e   Giustino   Nazim,   Urbano Cieolak. Il   28   maggio,   dalla   prigione   di   Pawiak,   P.   Massimiliano   giunge,   con   un   treno   carico   di   prigionieri,   al   campo   di   concentramento   di Oswiecim (Auschwitz) ove gli viene assegnato il numero di matricola 16670. Il   28   luglio   e   il   1   agosto,   il   direttore   del   campo   di   concentramento   di   Oswiecim,   Fritsch,   come   rappresaglia   per   l’evasione   di   un detenuto    dal    blocco    14    A,    al    quale    apparteneva    p.    Massimiliano,    sceglie    10    detenuti    condannandoli    alla    morte    di    fame.    P. Massimiliano   esprime   la   volontà   di   sostituire   un   padre   di   famiglia,   (Francesco   Gajowniczek).   Fritsch   acconsente.   I   condannati vengono chiusi nel bunker sotterraneo del blocco 13. Il 14 agosto, P. Massimiliano viene ucciso con “una iniezione endovenosa di fenolo al braccio sinistro”. Il   15   agosto,   la   salma   di   P.   Massimiliano   viene   bruciata   in   uno   dei   forni   crematori   del   campo   di   concentramento   di   Oswiecim   e   le   sue ceneri disperse. 1946 Il 17 marzo, all’età di 76 anni muore a Cracovia Maria Kolbe, mamma di p. Massimiliano. 1948 Il   7   aprile,   il   vescovo   di   Nagasaki,   Mons.   Paul   Yamaguchi,   è   il   primo   di   tutti   i   vescovi   a   scrivere   a   Papa   Pio   XII   per   chiedergli   di   elevare P. Massimiliano all’onore degli altari. Il 24 maggio, si apre a Padova il processo d’informazione in vista della beatificazione di P. Massimiliano. 1954 Il   3   ottobre,   consacrazione   della   chiesa   di   Niepokalanów,   dedicata   all’Immacolata   Mediatrice   di   tutte   le   grazie   e   che   diventerà   il secondo santuario mariano dopo Czestochowa. 1955 Il 12 maggio, decreto d’approvazione degli scritti di P. Massimiliano. 1959 Il   12   marzo,   concistoro   pubblico   durante   il   quale   viene   esposta   in   presenza   di   Papa   Giovanni   XXIII   la   causa   di   beatificazione   di   P. Massimiliano. 1960 Il 16 marzo, Papa Giovanni XXIII decreta l’introduzione della causa di beatificazione di P. Massimiliano. 1961 Il   23   settembre,   si   apre   a   Padova   il   processo   apostolico   che   viene   istruito   a   Padova,   Varsavia,   Cracovia,   Nagasaki   e   Trenton   negli   Stati Uniti. 1964 Il 6 giugno, decreto di validità del processo apostolico. 1965 Il   13   novembre,   su   richiesta   comune   dei   vescovi   polacchi   e   tedeschi,   Papa   Paolo   VI   accorda   la   dispensa   del   canone   2101   del   Codice di Diritto canonico. Questo   permette   così   di   iniziare   la   discussione   sull’eroicità   delle   virtù   di   P.   Massimiliano   prima   che   siano   passati   cinquant’anni   dalla sua morte. 1969 Il 30 gennaio, sessione generale della Congregazione dei Riti alla presenza Papa Paolo VI. A   conclusione   della   sessione,   il   Santo   Padre   promulga,   immediatamente   ed   eccezionalmente,   il   decreto   sull’eroicità   delle   virtù   di   P. Massimiliano che diventa così venerabile. 1971 Il 14 giugno, Decreto per l’approvazione dei miracoli. Il   17   ottobre,   nell’anniversario   della   fondazione   della   M.I.   e   durante   il   Sinodo   dei   vescovi   sul   sacerdozio   ministeriale,   Papa   Paolo   VI presiede personalmente nella basilica di S. Pietro la cerimonia solenne, durante la quale proclama Padre Massimiliano beato. 1978 Il   5   novembre,   per   la   prima   volta   in   quel   giorno,   ad   Assisi,   Papa   Giovanni   Paolo   II   definisce   Padre   Massimiliano   “patrono   del   nostro difficile secolo”. Lo   ripeterà   poi   il   7   giugno   1979   ad   Auschwitz,   il   10   ottobre   nella   sua   Lettera   decretale,   il   13   ottobre   1982   a   Roma,   il   18   giugno   1983 a Niepokalanów, il 19 agosto 1985 a Casablanca e il 26 febbraio 1994 a Roma. 1982 Il   24   maggio,   Papa   Giovanni   Paolo   II   tiene   un   concistoro   durante   il   quale   viene   presentata   la   causa   di   canonizzazione   di   P. Massimiliano. Il   5   giugno,   i   vescovi   della   Polonia   e   della   Germania   scrivono   insieme   al   Papa   per   chiedergli   che   P.   Massimiliano   venga   venerato   come martire. Il   10   ottobre,   alla   fine   dell’anno   consacrato   a   S.   Francesco   d’Assisi,   nell’ottavo   centenario   della   sua   nascita,   e   vent’anni   dopo l’apertura   del   Concilio   Vaticano   II   (l’11   ottobre   1962),   sul   piazzale   della   basilica   vaticana,   papa   Giovanni   Paolo   II   proclama   p. Massimiliano Kolbe Santo, dichiarandolo martire della carità. 1983 Il 25 marzo, decreto che estende la memoria liturgica di S. Massimiliano alla Chiesa universale. 1997 Il   16   ottobre,   la   Santa   Sede   erige   la   “Milizia   dell’Immacolata”   in   Associazione   Pubblica   Internazionale   (Codice   di   Diritto   canonico,   can. 312) e approva i suoi nuovi Statuti Generali. La   M.I.   é   presente   nei   cinque   continenti,   in   46   paesi,   con   27   Centri   Nazionali   e   numerose   Sedi   canonicamente   erette.   Il   totale   dei membri iscritti si avvicina ai quattro milioni.
San Massimiliano Kolbe
HOME HOME DALLE SEDI DALLE SEDI PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI
CENTRO NAZIONALE MILIZIA DELL’IMMACOLATA presso Collegio San Bonaventura - Seraphicum Via del Serafico, 1 - 00142 Roma - Tel. 06 51503273 redazionekolbe@gmail.com
IL “CAVALIERE” IL “CAVALIERE”