CENTRO NAZIONALE MILIZIA DELL’IMMACOLATA presso Collegio San Bonaventura - Seraphicum Via del Serafico, 1 - 00142 Roma - Tel. 06 51503273 redazionekolbe@gmail.com
La Medaglia Miracolosa La   Medaglia   Miracolosa   è   stata   coniata   per   volontà   della   Madonna,   espressa   a   santa   Caterina   Labouré,   delle   Figlie   della   Carità   di   San Vincenzo   de’   Paoli,   nell’apparizione   del   27   novembre   1830   a   Parigi   -   Rue   du   Bac:   «Fa’   coniare   una   Medaglia   su   questo   modello:   le persone   che   la   porteranno   riceveranno   grandi   grazie;   le   grazie   saranno   più   abbondanti   per   le   persone   che   la   porteranno   con fiducia».   Sul   dritto   della   Medaglia,   suor   Caterina   aveva   visto   la   Madonna   biancovestita,   con   le   braccia   distese   sul   mondo,   le   dita   delle mani   emananti   fasci   di   luce   di   vario   splendore.   Spiegò   la   Vergine   alla   Santa:   «I   raggi   sfolgoranti   sono   il   simbolo   delle   grazie   che   io spargo   sulle   persone   che   me   le   domandano».   Intorno   le   parole:   «O   Maria   concepita   senza   peccato,   prega   per   noi   che   a   te ricorriamo».   Sul   rovescio,   fra   dodici   stelle,   la   lettera   M   sormontata   da   una   croce   e,   sotto,   il   cuore   di   Gesù   circondato   da   una   corona di   spine   e   il   cuore   di   Maria   trafitto   da   una   spada.   Ufficialmente   approvata   dalla   Chiesa,   la   Medaglia   Miracolosa   si   è   diffusa   dovunque e   nessuno   può   contare   le   “grandi   grazie”   ottenute.   Porta   la   Medaglia   Miracolosa,   diffondila   ovunque,   offrila   ai   sofferenti,   ai   malati,   a chi non ha più fede, falla conoscere ai bambini, ai giovani. Confida nell’amore di Maria, prega con fede l’invocazione della Medaglia. L’Immacolata Concezione La   verità   di   fede   espressa   dalle   parole   incise   sulla   Medaglia   Miracolosa   anticipava   la   solenne   definizione   della   Chiesa   fatta   da   Pio   IX l’8   dicembre   1854,   confermata   poi   dalla   Madonna   a   Lourdes   nel   1858   con   le   parole   dette   a   Bernardette:   «Io   sono   l’Immacolata Concezione». In   questa   verità   si   evidenziano   almeno   tre   dei   privilegi   di   cui   è   ricca   la   Madonna:   l’Immacolatezza   della   Sua   Concezione,   la   Sua Mediazione universale, la Sua regalità. Così Maria è a pieno diritto nel “Mistero di Cristo e della Chiesa”. La   Milizia   dell’Immacolata   e   la   Medaglia   Miracolosa.   Nel   solco   della   tradizione   francescana,   il   “mistero   dell’Immacolata   Concezione”   di Maria   diviene   per   P.Kolbe   un   ideale   di   vita   e   di   apostolato.   Turbato   dalle   intemperanze   di   quei   tempi   contro   la   Chiesa   e   il   Papa,   fonda a Roma il 16 ottobre 1917 la M.I., un movimento francescano mariano missionario, aperto a tutti i cristiani. Scrive   P.   Kolbe   (cf.   SK.   299):   San   Francesco   è   il   modello   del   missionario   e   il   suo   esempio   spinge   all’apostolato   diretto   alla   salvezza   e alla santificazione delle anime. L’apparizione ad Alfonso Ratisbonne Tra   le   più   note,   la   conversione   dell’ebreo   Alfonso   Ratisbonne,   il   20   gennaio   1842,   a   Roma,   nella   chiesa   di   S.   Andrea   delle   Fratte: conversione   che   suscitò   75   anni   dopo   nel   giovane   Massimiliano   Kolbe   una   delle   più   forti   spinte   a   fondare   la   Milizia   dell’Immacolata (M.I.). Quasi   per   scommessa,   due   uomini   discutono   serenamente   tra   loro,   in   una   villa   di   Roma.   L’uno   è   il   barone   De   Bussières.   L’altro   è   il giovane Alfonso Ratisbonne, ebreo. Siamo nel 1842. “Vediamo   di   che   si   tratta?”   risponde   il   giovane.   “Semplicemente   di   questo;   accettare   di   portare   indosso   questa   medaglia.   Secondo   il vostro   modo   di   vedere,   la   cosa   dovrebbe   essere   del   tutto   indifferente,   mentre   a   me   recherebbe   un   grande   piacere.“.   “Se   è   così,   per dimostrarvi che gli ebrei non sono poi tanto ostinati e testardi come si crede, accetto di portare la vostra medaglia.” Si era lasciato mettere al collo la Medaglia e ci aveva scherzato sopra, ma già non ci pensava più. La   notte   di   quello   stesso   giorno,   svegliatosi   di   soprassalto,   Alfonso   vide   alta   dinanzi   a   sé   l’immagine   di   una   grande   Croce,   di   forma particolare, senza Gesù Crocifisso, che egli inutilmente tentò di scacciare. Il   giorno   seguente,   stranamente,   Alfonso   si   sentì   spinto   ad   accompagnare   lo   stesso   amico   De   Bussières   alla   Chiesa   di   S.   Andrea delle Fratte, dove il barone aveva da sbrigare una commissione di lavoro. La   carrozza   si   fermò   sulla   piazzetta   della   Chiesa.   Scesero   tutti   e   due.   Il   barone   entrò   in   Chiesa   e   si   recò   subito   in   sacrestia   per incontrarsi   con   le   persone   interessate   alla   commissione.   Alfonso,   invece,   dapprima   esitante,   entrò   poi   anche   lui   nella   Chiesa.   E   si trovò solo, distratto e vuoto. Proprio la Vergine della Medaglia Miracolosa era dunque apparsa ad Alfonso Ratisbonne quel giovedì 20 gennaio 1842. La devozione di San Massimiliano Kolbe 75   anni   più   tardi,   Il   20   gennaio   1917,   a   Roma,   nella   Cappella   del   Collegio   Internazionale   dei   Frati   Minori   Conventuali,   il   Padre   Rettore sta   raccontando   ai   giovani   frati   l’episodio   della   prodigiosa   conversione   dell’ebreo   Alfonso   Ratisbonne,   divenuto   poi   gran   Servo   di   Dio e   morto   in   concetto   di   santità.   Tra   questi   c’è   un   giovane   straordinario.   È   fra   Massimiliano   Maria   Kolbe,   l’ardente   innamorato dell’Immacolata,   colui   che   darà   vita   al   Movimento   mariano   più   vasto   dell’epoca   moderna,   la   ‘Milizia   dell’Immacolata’,   un   esercito   di cavalieri   schierati   in   campo   sotto   la   guida   dell’Immacolata,   la   Celeste   Condottiera   e   Invincibile   guerriera   che   “schiaccerà   il   capo”   al nemico   (Gn   3,15).   Con   estremo   interesse   fra   Massimiliano   ascolta   il   racconto   della   conversione   di   Alfonso   Ratisbonne.   Ne   rimane visibilmente   commosso.   si   rende   conto   del   valore   della   Medaglia   Miracolosa,   di   cui   l’Immacolata   si   serve   per   operare   fatti   di   grazia anche portentosi. Da    quel    20    gennaio,    inoltre,    fra    Massimiliano    amò    di    un    amore    speciale    la    Chiesa    di    S.    Andrea    delle    Fratte;    la    visitava frequentemente   e   vi   sostava   in   devota   orazione.   Quando   divenne   Sacerdote,   infine,   volle   celebrare   la   sua   prima   S.   Messa   il   29   aprile 1918, all’altare dove la Madonna era apparsa all’ebreo Alfonso Ratisbonne.
L’apparizione a Santa Caterina Labouré
HOME HOME LA STORIA LA STORIA DALLE SEDI DALLE SEDI PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI