Caterina   Labouré   nacque   il   2   maggio   1806   a   Fain-les-Moutiers   in   Francia,   da   contadini benestanti;   a   8   anni,   essendo   morta   la   madre,   dovette   assumersi   il   governo   della   casa   perché la   sorella   maggiore   si   era   fatta   suora.   Da   giovane   rifiutò   varie   proposte   di   matrimonio,   decisa ad   abbracciare   la   vita   religiosa,   nonostante   l’opposizione   del   padre   che   la   mandò   a   Parigi presso il fratello che gestiva una trattoria, poi da una cognata a Châtillon-sur-Seine. Trasferitasi   in   un   ospizio   diretto   dalle   Figlie   della   Carità   (fondate   da   san   Vincenzo   de’   Paoli), dopo   alcuni   mesi   ottenne   via   libera   dal   padre   e   il   21   aprile   1830   entrò   nel   seminario   di   Rue   du Bac,   a   Parigi.   Durante   il   noviziato   ebbe   frequenti   visioni   del   Signore   e   della   Vergine.   Tenne nascosto il segreto per ben 46 anni, cioè fino alla morte. La   notte   tra   il   18   e   il   19   luglio   del   1830   ci   fu   la   prima   apparizione   della   Madonna,   il   27 novembre   la   seconda   e   in   dicembre   una   terza,   quest'ultima   per   confermare   e   ripetere   la richiesta   di   far   coniare   la   Medaglia.   Seguiamo   lo   svolgimento   dei   fatti   dal   racconto   della   stessa Caterina. Prima apparizione (18/19 luglio 1830): «Venuta   la   festa   di   San   Vincenzo   (19   luglio   1830)   la   buona   madre   Marta   (direttrice   delle   novizie)   ci   fece,   alla   vigilia,   un'istruzione   sulla devozione   dovuta   ai   santi   e   specialmente   sulla   devozione   alla   Madonna.   Questo   mi   accese   un   così   gran   desiderio   di   vedere   la santissima   Vergine,   che   andai   a   letto   col   pensiero   di   vedere   la   mia   buona   Madre   celeste   quella   stessa   notte:   era   tanto   tempo   che desideravo   vederla.   Essendoci   stato   distribuito   un   pezzettino   di   tela   di   una   cotta   di   san   Vincenzo,   ne   tagliai   una   metà   e   lo   inghiottii. Così mi addormentai col pensiero che san Vincenzo mi avrebbe ottenuto la grazia di vedere la Madonna. Alle   undici   e   mezzo   mi   sentii   chiamare   per   nome:   "Suor   Labouré!   Suor   Labouré".   Svegliatami,   guardai   dalla   parte   donde   veniva   la voce,   che   era   dal   lato   del   passaggio   del   letto,   tirai   la   cortina   e   vidi   un   fanciullo   vestito   di   bianco,   dai   quattro   ai   cinque   anni,   il   quale   mi disse:   "Vieni   in   cappella;   la   Madonna   ti   aspetta".   Mi   venne   subito   il   pensiero:   Mi   sentiranno!   Ma   quel   bambino   rispose   pronto:   "Stai tranquilla:   sono   le   undici   e   mezzo   e   tutti   dormono   profondamente.   Vieni   che   ti   aspetto".   Il   fanciullo   mi   condusse   nel   presbiterio accanto   alla   poltrona   del   direttore,   dove   mi   posi   in   ginocchio,   mentre   il   fanciullino   rimase   tutto   il   tempo   in   piedi.   Mi   sembrava   che fosse   trascorso   tanto   tempo,   per   cui   ogni   tanto   mi   guardavo   intorno,   per   timore   che   le   suore   vegliatrici   passassero   dalla   tribuna. Finalmente,   giunse   il   sospirato   momento.   Il   bambino   mi   avvertì,   dicendomi:   "Ecco   la   Madonna,   eccola!".   Sentii   un   rumore,   come   il fruscio   di   vesti   di   seta,   venire   dalla   parte   della   tribuna,   presso   il   quadro   di   san   Giuseppe,   e   vidi   la   santissima   Vergine   che   venne   a posarsi   sui   gradini   dell’altare   dal   lato   del   Vangelo.   Era   la   santissima   Vergine,   ma   tutta   simile   a   sant'Anna,   solo   il   volto   non   era   lo stesso. Ero incerta se si trattasse della Madonna. Ma il fanciullino che era lì mi disse: "Ecco la Madonna!". Dire   ciò   che   provai   in   quel   momento   e   ciò   che   succedeva   in   me,   mi   sarebbe   impossibile.   Mi   sembrava   di   non   riconoscere   la   Madonna. Quel   fanciullino   allora,   mi   parlò,   non   più   con   voce   di   bambino,   ma   d'uomo   alto   e   robusto   e   disse   parole   forti.   Guardando   la   santissima Vergine, spiccai, allora, un salto verso di lei, e, inginocchiandomi sui gradini dell'altare, appoggiai le mani sulle ginocchia di Maria... Fu quello il momento più dolce della mia vita. Dire tutto ciò che provai mi sarebbe impossibile. La   Madonna   mi   spiegò   come   dovevo   comportarmi   col   mio   direttore   [spirituale]   e   parecchie   cose   che   non   dovevo   dire;   m'insegnò   il modo   di   regolarmi   nelle   mie   pene   e,   mostrandomi   con   la   sinistra   i   piedi   dell'altare,   mi   disse   di   andarmi   a   gettare   ai   piedi   dell'altare   a espandervi il mio cuore, aggiungendo che là avrei ricevute tutti i conforti a me necessari. "Figlia   mia,   mi   disse   la   Madonna,   Dio   vuole   affidarti   una   missione.   Avrai   molto   da   soffrire,   ma   soffrirai   volentieri,   pensando   che   si tratta   della   gloria   di   Dio.   Avrai   la   grazia;   dì   tutto   quanto   ti   succede,   con   semplicità   e   confidenza.   Vedrai   certe   cose,   sarai   ispirata   nelle tue orazioni e rendine conto a chi è incaricato dell’anima tua…”. A   questo   punto   la   Madonna   aggiunse   con   un'espressione   molto   triste   l   tempi,   figlia   mia,   sono   molto   cattivi.   Sciagure   si   abbatteranno sulla   Francia.   Il   trono   verrà   rovesciato.   Il   mondo   intero   verrà   sconvolto   da   sventure   di   ogni   genere.   Ma   venite   pure   ai   piedi   di quest'altare;   qui   grazie   verranno   effuse   su   tutti   coloro,   grandi   e   piccoli,   che   le   chiederanno   con   fiducia   e   fervore…   Verrà   un   momento in   cui   tutto   sembrerà   perduto,   ma   io   sarò   con   voi,   avvertirete   la   mia   presenza   e   la   protezione   mia   e   di   san   Vincenzo   sulle   due Congregazioni.   Nelle   altre   Congregazioni   e   tra   il   clero   di   Parigi   vi   saranno   delle   vittime;   anche   l’Arcivescovo   morirà,   e   la   croce   sarà oltraggiata,   buttata   per   terra,   il   fianco   di   nostro   Signore   sarà   nuovamente   trafitto,   per   le   strade   scorrerà   il   sangue   e   il   mondo   intero sarà   nella   tristezza.   Ma   abbiate   fiducia!   Proprio   allora   io   sarò   con   voi,   avrete   modo   di   riconoscere   la   mia   visita”.   A   questo   punto Caterina pose interiormente una domanda: "Quando?". E una voce rispose: “ Tra quarant’anni ”. Quanto   tempo   rimasi   con   la   Madonna,   non   saprei   dire,   tutto   quello   che   so   è   che,   dopo   avermi   parlato   a   lungo,   se   ne   andò, scomparendo   come   ombra   che   svanisce,   dirigendosi   verso   la   tribuna,   per   quella   parte   da   cui   era   venuta.   Mi   alzai   dai   gradini dell'altare,   rividi   il   fanciullino   al   posto   dove   l'avevo   lasciato,   il   quale   mi   disse:   "È   partita!".   Rifacemmo   lo   stesso   cammino,   tro-vando sempre tutti i lumi accesi e tenendosi quel bambino sempre alla mia sinistra. Credo   che   quel   bambino   fosse   il   mio   angelo   custode,   resosi   visibile   per   farmi   vedere   la   Madonna;   io,   infatti,   l'avevo   molto   pregato   di ottenermi   un   tal   favore.   Era   vestito   di   bianco,   portava   con   sé   una   luce   prodigiosa,   ossia   era   sfolgorante   di   luce,   e   dimostrava   un'età dai 4 ai 5 anni. Tornata a letto, sentii suonare le due e non ripresi più il sonno». Seconda apparizione, 27 novembre 1830: «II   27   novembre   1830,   il   sabato   precedente   alla   prima   domenica   d'Avvento,   alle   17.30,   facendo   la   meditazione   in   profondo   silenzio, mi   parve   di   sentire   dal   lato   destro   della   cappella   un   rumore   come   il   fruscio   di   una   veste   di   seta.   Avendo   volto   lo   sguardo   verso   quel lato,   vidi   la   santissima   Vergine   all’altezza   del   quadro   di   san   Giuseppe.   La   sua   statura   era   media   e   la   sua   bellezza   tale   che   mi   è impossibile   descriverla.   Stava   in   piedi,   la   sua   veste   era   di   seta   e   di   color   bianco-aurora,   fatta,   come   si   dice,   "à   la   vierge   "   (alla vergine),   cioè   accollata   e   con   le   ma-niche   lisce.   Dal   capo   le   scendeva   un   velo   bianco   sino   ai   piedi.   Aveva   i   capelli   spartiti   e   una   specie dì   cuffia   con   un   merletto   di   circa   3   cm   di   larghezza,   leggermente   appoggiato   sui   capelli.   Il   viso   era   abbastanza   scoperto,   i   piedi poggiavano   sopra   un   globo,   o   meglio,   sopra   un   mezzo   globo,   o   almeno   io   non   ne   vidi   che   una   metà   (più   tardi   la   Santa   confesserà   di aver   visto   sotto   i   piedi   della   Vergine   anche   un   serpente   color   verdastro,   chiazzato   di   giallo).   Le   sue   mani,   elevate   all'altezza   della cintura,   mantenevano   in   modo   naturale   un   altro   globo   più   piccolo   che   rappresentava   l'Universo.   Ella   aveva   gli   occhi   rivolti   al   cielo   e   il suo volto diventò risplendente, mentre presentava il globo a nostro Signore. Tutto   a   un   tratto,   le   sue   dita   si   ricoprirono   di   anelli,   ornati   di   pietre   preziose,   le   une   più   belle   delle   altre,   le   une   più   grosse   e   le   altre più   piccole,   le   quali   gettavano   dei   raggi   gli   uni   più   belli   degli   altri:   questi   raggi   partivano   dalle   pietre   preziose;   le   più   grosse   gettavano raggi   più   grandi   e   le   più   piccole   raggi   meno   grandi.   Sicché   tutta   se   ne   riempiva   la   parte   inferiore,   e   io   non   vedevo   più   i   suoi   piedi... Mentre   ero   intenta   a   contemplarla,   la   santissima   Vergine   abbassò   gli   occhi   verso   di   me   e   intesi   una   voce   che   mi   disse   queste   parole; “Questo globo che vedi rappresenta tutto il mondo, in particolare la Francia e ogni singola persona... ". Qui   non   so   ridire   ciò   che   provai   e   ciò   che   vidi:   la   bellezza   e   lo   splendore   dei   raggi   erano   così   sfolgoranti!...   E   la   Vergine   santissima aggiunse:   “Essi   sono   il   simbolo   delle   grazie   che   spargo   sulle   persone   che   me   le   domandano",   facendomi   così   comprendere   quanto   è dolce   pregare   la   santissima   Vergine   e   quanto   ella   è   generosa   con   le   persone   che   la   pregano;   quante   grazie   ella   accorda   alle   persone che gliele cercano e quale gioia ella prova nel concederle. In   quel   momento,   ero   e   non   ero...   non   so...   ero   rapita.   Ed   ecco   formarsi   intorno   alla   santissima   Vergine   un   quadro   alquanto   ovale,   sul quale   in   alto,   a   modo   di   semicerchio   dalla   mano   destra   alla   sinistra   di   Maria,   si   leggevano   queste   parole   scritte   a   lettere   d'oro:   "O Maria,   concepita   senza   peccato,   prega   per   noi   che   ricorriamo   a   Voi”.   Allora   si   fece   sentire   una   voce   che   mi   disse:   "Fai,   fai   coniare   una Medaglia   su   questo   modello;   tutte   le   persone   che   la   porteranno,   riceveranno   grandi   grazie,   specialmente   portandola   al   collo;   le   grazie saranno abbondanti per le persone che la porteranno con fiducia". All’istante   mi   parve   che   il   quadro   si   voltasse   ed   io   vidi   il   rovescio   della   Medaglia.   Vi   era   la   lettera   "M"   (iniziale   del   nome   di   Maria) sormontata   da   una   croce   senza   Crocifisso   che   aveva   come   base   la   lettera   "I"   (iniziale   del   nome   Iesus,   Gesù).   Più   sotto   poi   vi   erano due   Cuori,   uno   circondato   da   spine   (quello   di   Gesù),   l’altro   trapassato   da   una   spada   (quello   di   Maria).   Nelle   sue   relazioni   Caterina   non accenna   alle   dodici   stelle   che   circondano   il   monogramma   di   Maria,   tuttavia   sono   state   sempre   presenti   fin   dal   primo   conio   della Medaglia e perciò approvate da lei. Poi tutto disparve, come qualcosa che si spegne ed io rimasi ripiena di non so che, di buoni sentimenti, di gioia, di consolazione». L’ addio Dopo   pochi   giorni,   nel   dicembre   del   1830,   la   santissima   Vergine   apparve   a   santa   Caterina   per   la   terza   e   ultima   volta.   Con   lo   stesso vestito   colore   dell'aurora   e   lo   stesso   velo,   la   Vergine   si   fece   vedere   nuovamente   in   atto   di   sostenere   un   globo   d'oro,   sormontato   da una piccola croce. Dagli stessi anelli, sormontati da pietre preziose irradiava, con intensità diversa, la medesima luce. La santa Vergine, però, non apparve a destra, né a sinistra dell'altare, ma sopra di esso. Così   si   conclusero   le   apparizioni   della   Vergine   Maria   a   santa   Caterina   Labouré,   che   ricevette,   però,   un   messaggio   consolante:   «Figlia mia, d'ora in poi non mi vedrai più; tuttavia sentirai la mia voce durante le tue preghiere». Per lei si conclusero le apparizioni, ma non la sua devozione filiale a Maria. Il tormento di Caterina Qualche   giorno   dopo,   Caterina   riferì   al   suo   confessore   quanto   la   santa   Vergine   le   aveva   chiesto,   ma   padre   Aladel,   ancora   una   volta, non   diede   peso   al   suo   racconto;   senza   dubbio   non   se   la   sentì   di   imbarcarsi   in   quell'impresa   senza   una   certezza   di   autenticità   e   lasciò passare   del   tempo   prima   di   prendere   un   provvedimento.   Caterina   ne   soffriva   profondamente,   perché   le   sembrava   di   non   essere capace   di   assolvere   al   compito   affidatole   dalla   santa   Vergine   e   che   la   colpa   del   ritardo   fosse   tutta   sua.   Il   dolore   della   Veggente   era tale   che   la   Madonna   stessa   dovette   intervenire   con   delle   locuzioni   ulteriori   a   confortarla,   con   queste   parole:   «Non   preoccuparti,   figlia mia!   Arriverà   il   giorno   in   cui   i   miei   desideri   saranno   appagati   e   la   Medaglia   sarà   finalmente   coniata!».   II   3   febbraio   del   1831   Caterina terminò   il   noviziato   e   indossò   l'abito   religioso.   Due   giorni   dopo   fu   accompagnata   all'ospizio   di   Enghien   a   Reuilly,   un   quartiere   povero   di Parigi, dove resterà fino alla morte. II   suo   primo   incarico   a   Enghien   lo   svolse   in   cucina.   Qui   ritrovò   i   lavori   di   cui   si   era   occupata   alla   sua   fattoria   e   alla   trattoria   del   fratello e   tutto   sarebbe   filato   liscio   se   la   prima   responsabile   della   cucina   non   fosse   stata,   a   differenza   di   lei,   piuttosto   parsimoniosa   nella distribuzione del cibo. Su questo argomento Caterina ebbe molto da soffrire e da lavorare per affinare le sue virtù. In   seguito   fu   incaricata   del   guardaroba,   poi   dell'assistenza   diretta   degli   anziani   e,   per   un   certo   tempo,   espletò   il   suo   servizio   anche   in portineria, dove accoglieva i poveri con grande carità. In   questi   compiti   fu   sempre   vista   piena   di   delicatezza   con   tutti,   paziente   e   gentile.   Una   particolare   attenzione   prestava   nell'accoglienza delle   religiose   nuove   che   si   avvicendavano   nella   casa,   aiutandole   ad   ambientarsi   e   consigliandole   con   discrezione.   Tutti   potevano trovare   in   lei   una   sorella   attenta   e   disponibile;   anche   i   domestici   potevano   contare   su   di   lei,   che   non   si   risparmiava   in   niente, generosa   fino   all'eroismo   e   tanto   umile   e   obbediente   da   sembrare,   ai   più   sprovveduti,   di   scarsa   intelligenza   e   indifferente.   Per   questo, spesso   le   superiore   la   umiliavano   ma,   con   tutto   ciò   lei   era   sempre   pronta   a   difenderne   con   forza   l’autorità   di   fronte   a   chiunque.   Seguì con   grande   interesse   la   diffusione   della   Medaglia   e   gli   avvenimenti   miracolosi   che   si   operavano   per   suo   mezzo,   ma   mai   la   sfiorò   il pensiero   di   attribuirsene   il   merito;   e,   pensando   alla   gloria   che   ne   sarebbe   venuta   alla   Santa   Vergine,   un   giorno,   esclamò:   “Oh!   Come sarà bello sentire dire: Maria è la Regina del mondo intero! E tutti i suoi figli ripeteranno: Ella è la Regina di ciascuno di noi!”. Nel   1870,   con   la   guerra   franco-prussiana,   la   carestia   rese   difficilissima   l’opera   di   soccorso   dei   poveri,   sicché   le   suore   di   Enghien finirono   per   lasciare   ai   poveri   tutte   le   provviste   e   riservare   per   la   loro   comunità   solo   qualche   pezzo   di   pane   duro.   Con   la   sconfitta sopravvenne   la   guerra   civile   che   insanguinò   le   strade   delle   Parigi,   così   come   aveva   predetto   la   santa   Vergine   nella   prima   apparizione: l’Arcivescovo   di   Parigi,   monsignor   Darboy,   perse   la   vita   insieme   a   molti   sacerdoti   e   religiosi;   la   paura   dominava   la   città   ma   Caterina continuava   calma   il   suo   lavoro   di   soccorso   ai   feriti   e   ai   poveri:   attaccò   le   Medaglie   alle   porte   e   alle   finestre   della   casa   e   incoraggiava   le sorelle   ad   avere   fiducia   nella   protezione   della   Madonna.   E,   infatti,   in   tutta   quella   tragedia,   né   le   suore   della   Carità   né   i   padri   Lazzaristi ebbero danni di alcun genere, come aveva promesso la Vergine nella prima apparizione. Nella   primavera   del   1876   Caterina   cominciò   a   sentirsi   male,   e   disse   alle   sue   sorelle   che   si   avvicinava   il   tempo   della   sua   partenza   per   il cielo.   A   fine   dicembre   chiese   il   sacramento   degli   infermi   e   il   31   dicembre   di   quello   stesso   anno,   all’età   di   settanta   anni,   spirò dolcemente.   Il   giorno   dopo,   tutta   Parigi   seppe   che   era   lei   la   veggente   di   Rue   de   Bac,   e   la   gente   accorse   in   gran   numero   acclamandola santa. Il 28 maggio del 1933, Pio XI la dichiara beata; e Pio XII la proclamerà santa nel 1947. L’Immacolata Concezione La   verità   di   fede   espressa   dalle   parole   incise   sulla   Medaglia   Miracolosa   anticipava   la   solenne   definizione   della   Chiesa   fatta   da   Pio   IX   l’8 dicembre   1854,   confermata   poi   dalla   Madonna   a   Lourdes   nel   1858   con   le   parole   dette   a   Bernardette:   «Io   sono   l’Immacolata Concezione». In   questa   verità   si   evidenziano   almeno   tre   dei   privilegi   di   cui   è   ricca   la   Madonna:   l’Immacolatezza   della   Sua   Concezione,   la   Sua Mediazione universale, la Sua regalità. Così Maria è a pieno diritto nel “Mistero di Cristo e della Chiesa”. La   Milizia   dell’Immacolata   e   la   Medaglia   Miracolosa.   Nel   solco   della   tradizione   francescana,   il   “mistero   dell’Immacolata   Concezione”   di Maria   diviene   per   P.Kolbe   un   ideale   di   vita   e   di   apostolato.   Turbato   dalle   intemperanze   di   quei   tempi   contro   la   Chiesa   e   il   Papa,   fonda a Roma il 16 ottobre 1917 la M.I., un movimento francescano mariano missionario, aperto a tutti i cristiani. Scrive   P.   Kolbe   (cf.   SK.   299):   San   Francesco   è   il   modello   del   missionario   e   il   suo   esempio   spinge   all’apostolato   diretto   alla   salvezza   e alla santificazione delle anime. L’apparizione ad Alfonso Ratisbonne Fra   i   miracoli   operati   dalla   Medaglia   miracolosa   vi   fu   la   conversione   dell’ebreo   Alfonso   Ratisbonne, avvenuta il 20 gennaio del 1842 a Roma, nella chiesa  di  S. Andrea delle Fratte. Siamo   nel   1842.   Quasi   per   scommessa,   due   uomini   discutono   serenamente   tra   loro,   in   una   villa   di Roma.   L’uno   è   il   barone   De   Bussières,   l’altro   è   il   giovane   Alfonso   Ratisbonne,   ebreo.   “Vediamo   di che   si   tratta?”   risponde   il   giovane.   “Semplicemente   di   questo:   accettare   di   portare   indosso   questa medaglia.   Secondo   il   vostro   modo   di   vedere,   la   cosa   dovrebbe   essere   del   tutto   indifferente,   mentre a   me   recherebbe   un   grande   piacere.“.   “Se   è   così,   per   dimostrarvi   che   gli   ebrei   non   sono   poi   tanto ostinati   e   testardi   come   si   crede,   accetto   di   portare   la   vostra   medaglia.”   Si   era   lasciato   mettere   al collo   la   Medaglia   e   ci   aveva   scherzato   sopra,   ma   già   non   ci   pensava   più.   La   notte   di   quello   stesso giorno,   svegliatosi   di   soprassalto,   Alfonso   vide   alta   dinanzi   a   sé   l’immagine   di   una   grande   Croce,   di forma    particolare,    senza    Gesù    Crocifisso,    che    egli    inutilmente    tentò    di    scacciare.    Il    giorno seguente,   stranamente,   Alfonso   si   sentì   spinto   ad   accompagnare   lo   stesso   amico   De   Bussières   alla Chiesa   di   S.   Andrea   delle   Fratte,   dove   il   barone   aveva   da   sbrigare   una   commissione   di   lavoro.   La carrozza   si   fermò   sulla   piazzetta   della   Chiesa.   Scesero   tutti   e   due.   Il   barone   entrò   in   Chiesa   e   si recò   subito   in   sacrestia   per   incontrarsi   con   le   persone   interessate   alla   commissione.   Alfonso, invece,   dapprima   esitante,   entrò   poi   anche   lui   nella   Chiesa.   E   si   trovò   solo,   distratto   e   vuoto. Proprio   la   Vergine   della   Medaglia   Miracolosa   era   dunque   apparsa   ad   Alfonso   Ratisbonne   quel giovedì 20 gennaio 1842. La devozione di San Massimiliano Kolbe 75   anni   più   tardi,   Il   20   gennaio   1917,   a   Roma,   nella   Cappella   del   Collegio   Internazionale   dei   Frati   Minori   Conventuali,   il   Padre   Rettore sta   raccontando   ai   giovani   frati   l’episodio   della   prodigiosa   conversione   dell’ebreo   Alfonso   Ratisbonne,   divenuto   poi   gran   Servo   di   Dio   e morto    in    concetto    di    santità.    Tra    questi    c’è    un    giovane    straordinario.    È    fra    Massimiliano    Maria    Kolbe,    l’ardente    innamorato dell’Immacolata,   colui   che   darà   vita   al   Movimento   mariano   più   vasto   dell’epoca   moderna,   la   ‘Milizia   dell’Immacolata’,   un   esercito   di cavalieri   schierati   in   campo   sotto   la   guida   dell’Immacolata,   la   Celeste   Condottiera   e   Invincibile   guerriera   che   “schiaccerà   il   capo”   al nemico   (Gn   3,15).   Con   estremo   interesse   fra   Massimiliano   ascolta   il   racconto   della   conversione   di   Alfonso   Ratisbonne.   Ne   rimane visibilmente   commosso.   si   rende   conto   del   valore   della   Medaglia   Miracolosa,   di   cui   l’Immacolata   si   serve   per   operare   fatti   di   grazia anche portentosi. Da   quel   20   gennaio,   inoltre,   fra   Massimiliano   amò   di   un   amore   speciale   la   Chiesa   di   S.   Andrea   delle   Fratte;   la   visitava   frequentemente e   vi   sostava   in   devota   orazione.   Quando   divenne   Sacerdote,   infine,   volle   celebrare   la   sua   prima   S.   Messa   il   29   aprile   1918,   all’altare dove la Madonna era apparsa all’ebreo Alfonso Ratisbonne.
L’apparizione a Santa Caterina Labouré
HOME HOME DALLE SEDI DALLE SEDI PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI IL “CAVALIERE” IL “CAVALIERE”
CENTRO NAZIONALE MILIZIA DELL’IMMACOLATA presso Collegio San Bonaventura - Seraphicum Via del Serafico, 1 - 00142 Roma - Tel. 06 51503273 redazionekolbe@gmail.com