SOLO L’AMORE CREA
CENTRO NAZIONALE MILIZIA DELL’IMMACOLATA presso Collegio San Bonaventura - Seraphicum Via del Serafico, 1 - 00142 Roma - Tel. 06 51503273 centroITALIAMI@GMAIL.COM
L'apparizione della Madonna ai tre pastorelli Il 13 maggio del 1917,nella campagna portoghese di Cova da Iria,nei pressi del villaggio di Fatima,tre pastorelli custodiscono un piccolo gregge:Sono Lucia Dos Santos di 10anni e i cuginetti di Francesco e Giaginta di otto e sei anni,i quali dopo aver recitato il rosario si sono messi a giocare. Improvvisamente un lampo attraversa con un bagliore il cielo. I pastorelli decidono di ripararsi sotto i rami di un elce,mentre altri due lampi solcano il cielo. Un grande silenzio e una luce intensa illumina l’alberello. Dalla luminosità emerge una “bellissima Signora”,che dice di venire dal “cielo”e rivolge ai tre pastorelli questo invito:”Sono venuta a chiedervi di trovarvi qui il 13 di ogni mese,per sei mesi consecutivi. Recitate il rosario tutti i giorni per ottenere la pace nel mondo e la fine della guerra”.Poi la bella Signora splendente più del sole ,della luna e delle stelle svanisce tra le nuvole. Francesco e Giacinta I tre veggenti dopo le apparizioni Purtroppo, prima Francesco Marto, poi la sorellina Giacinta Marto, morirono prestissimo come aveva predetto la Vergine; ambedue vittime della terribile epidemia di febbri influenzali detta “la spagnola”, che desolò l’Europa negli anni 1917-20, con numerosissimi morti di tutte le età, in prosieguo alla catastrofe appena terminata della Prima Guerra Mondiale. Francesco morì il 4 aprile 1919 nella sua casa di Aljustrel (Fatima) a quasi 11 anni, mentre Giacinta morì il 20 febbraio 1920 in un ospedale di Lisbona a quasi 10 anni.Ambedue riposano nella grande Basilica della Vergine di Fatima e sono stati proclamati Beati il 13 maggio 2000 da papa Giovanni Paolo II. Lucia All'epoca dei fatti Lucia Dos Santos aveva solo 10 anni, era del tutto analfabeta ed era la più anziana dei tre pastorelli proseguì la sua missione di veggente-confidente della Vergine e custode del suo messaggio al mondo; fu per anni Suora di Santa Dorotea e poi passò a 41 anni, come carmelitana scalza nel Carmelo di Coimbra; ritornò varie volte per brevi visite a Fatima sul luogo delle Apparizioni. La sua vita fu lunghissima, è morta il 13 febbraio 2005 a 98 anni nel convento di Coimbra e dal 19 febbraio 2006, riposa accanto ai cuginetti i Beati Francesco e Giacinta Marto nella Basilica di Fatima. Il miracolo del sole Il miracolo del sole Il 13 ottobre Cova d'Irìa traboccava di gente: uomini giunti da tutto il Portogallo si erano recati lì per assistere al miracolo annunciato. Vi erano anche parecchi giornalisti anti- clericali, decisi a dimostrare come le apparizioni fossero soltanto una commedia escogitata dal parroco di Fatima. Era una giornata molto piovosa e i fedeli si riparavano con gli ombrelli. A mezzogiorno un sacerdote si avvicinò a Lucia, accusandola di essere una millantatrice poiché la Madonna non era ancora apparsa; poco dopo i presenti videro una nube circondare i pastorelli e l'elce. Lucia racconta che la Madonna le aveva chiesto di far costruire in quel luogo una cappella in suo onore, dedicandola alla "Vergine del Rosario", raccomandando inoltre di pregare molto perché la guerra era in procinto di concludersi; poi era salita al cielo, che si era aperto al suo passaggio. A quel punto si sarebbe verificato il miracolo promesso: il sole aveva cominciato a volteggiare, visibile a occhio nudo, dopo di che era parso cadere sulla folla atterrita, fermandosi poi di colpo per risalire in cielo.