HOME HOME LA STORIA LA STORIA DALLE SEDI DALLE SEDI PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI
Rajmund   Kolbe    nacque   l’8   gennaio1894   a   Zdunska   Wola,   nella   Polonia   centrale,   e   fu   battezzato   lo   stesso   giorno   nella   chiesa parrocchiale   dell’Assunta.   I   suoi   genitori,   Mariann   Dabrowska   e   Juliusz   Kolbe,   erano   ferventi   cristiani:   il   padre,   inoltre,   era   un patriota   che   mal   sopportava   la   divisione   della   Polonia   di   allora   in   tre   parti,   dominate   da   Russia,Germania   e   Austria.   Dei   cinque   figli che ebbero, rimasero in vita solo Franciszek, Rajmund e Josef. A   causa   delle   scarse   risorse   finanziarie,   solo   il   primogenito   poté   frequentare   la   scuola,   mentre   Rajmund   cercò   di   imparare   qualcosa tramite   un   prete   e   poi   con   il   farmacista   del   paese.   Avvertì   i   primi   segni   della   vocazione   religiosa   quando,   mentre   pregava   nella chiesa   di   San   Matteo   a   Pabianice   (dove   la   famiglia   si   era   trasferita   poco   dopo   la   sua   nascita),   gli   apparve   la   Vergine   Maria,   che   gli porgeva due corone di fiori, una di gigli e una di rose rosse, simboli della verginità e del martirio: lui le prese entrambe. Il 18 agosto 1907 ricevette la Cresima nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta a Zdunska Wola. Allievo dei Frati Minori Conventuali Non   molto   lontano,   a   Leopoli,   si   stabilirono   i   Frati   Minori   Conventuali,   i   quali   proposero   ai   Kolbe   di   accogliere   nel   loro   Seminario minore   i   primi   due   figli,   perché   vi   compissero   gli   studi.   Consci   che   nella   zona   russa,   dove   risiedevano,non   avrebbero   potuto,   a causa del regime imperante, dare un indirizzo e una formazione intellettuale e cristiana ai propri ragazzi, accondiscesero. Libera   ormai   della   cura   dei   figli   e   col   consenso   del   marito,   nel   1907,   Mariann   si   ritirò   presso   le   Suore   Benedettine   di   Leopoli;   nel 1913   passò   alle   Suore   Feliciane   di   Cracovia,   come   terziaria.   Juliusz   Kolbe,   invece,   dimorò   per   qualche   tempo   nel   convento   di   San Francesco a Cracovia, prima di combattere per la patria; probabilmente fu ucciso dai russi. Anche il terzo figlio, Josef, dopo un periodo in un pensionato benedettino, entrò fra i francescani col nome di padre Alfonso. Da Rajmund a padre Massimiliano Maria Franciszek   e   Rajmund   passarono   entrambi   nel   noviziato   francescano:   il   primo   in   seguito,   ne   uscì,   dedicandosi   alla   carriera   militare. Prese parte alla prima guerra mondiale e scomparve in un campo di concentramento. Rajmund,   invece,   comprese   che   per   corrispondere   al   volere   di   Dio   su   di   lui   doveva   diventare   francescano   conventuale.   Il   4 settembre   1910,   con   l’ingresso   in   noviziato,   assunse   il   nome   di   fra   Massimiliano;   un   anno   dopo,   il   5   settembre   1911,   emise   la professione semplice. Dopo   il   noviziato   fu   inviato   a   Roma,   per   proseguire   la   sua   formazione:   dal   1912   dimorò   quindi   presso   il   Collegio   Serafico Internazionale.   In   occasione   della   professione   solenne,   il   1°   novembre   1914,   aggiunse   al   nome   che   già   portava   quello   di   Maria. Nel 1915 si laureò in filosofia all’Università Gregoriana. La Milizia dell’Immacolata Nel   corso   del   suo   soggiorno,   mentre   giocava   a   palla   in   aperta   campagna,   fra   Massimiliano   cominciò   a   perdere   sangue   dalla   bocca: fu l’inizio della tubercolosi che, tra alti e bassi, l’accompagnò per tutta la vita. Intanto,   mentre   consolidava   la   propria   formazione,   si   era   reso   conto   di   dover   operare   per   la   difesa   del   Regno   di   Dio,   sotto   la protezione   di   Maria   Immacolata.   Sapeva   di   vivere   in   tempi   influenzati   dal   Modernismo   e   dalla   massoneria   e   forieri   di   totalitarismi sia   di   destra   che   di   sinistra.   Così,   dopo   aver   ottenuto   il   permesso   dei   superiori,   la   sera   del   16   ottobre   1917   diede   vita,   con   altri   sei compagni,   alla   “Milizia   di   Maria   Immacolata”   (in   sigla,   MI),   che   aveva   come   scopo   "Rinnovare   ogni   cosa   in   Cristo   attraverso l’Immacolata". Ordinazione sacerdotale e primi tempi del ministero Il   28   aprile   1918   fra   Massimiliano   venne   ordinato   sacerdote   nella   chiesa   di   Sant’Andrea   della   Valle   e   celebrò   la   Prima   Messa   il giorno   successivo,   a   Sant’Andrea   delle   Fratte:   avvenne   proprio   all’altare   presso   il   quale,   nel   1842,   Alphonse   Ratisbonne   aveva avuto   l’apparizione   della   Vergine   Maria   che   segnò   l’inizio   della   sua   conversione.   Nel   1919,   laureandosi   in   teologia,   concluse   il   suo periodo romano. Ritornato   in   Polonia,   a   Cracovia,   pur   essendo   laureato   a   pieni   voti,   era   praticamente   inutilizzabile   nell’insegnamento   o   nella predicazione:   a   causa   della   malferma   salute,   infatti,   non   poteva   parlare   a   lungo.   Per   questo   motivo,   ottenuti   i   permessi   dei superiori   e   del   vescovo,   si   dedicò   interamente   alla   Milizia   dell’Immacolata,   raccogliendo   numerose   adesioni   fra   religiosi   del   suo Ordine, professori e studenti dell’Università, professionisti e contadini. «Il Cavaliere dell’Immacolata» Alternando   al   ministero   lunghi   periodi   nel   sanatorio   di   Zakopane,   a   causa   della   tubercolosi   che   avanzava,   padre   Massimiliano   Maria diede   inizio,   nel   1922,   alla   pubblicazione   della   rivista   ufficiale   «Rycerz   Niepokalanej»   («Il   Cavaliere   dell’Immacolata»),   per alimentare lo spirito e la diffusione della Milizia. Impiantò   l’officina   per   la   stampa   del   giornale   con   vecchi   macchinari   a   Grodno,   a   600   km   da   Cracovia,   dove   era   stato   trasferito. Con   suo   stesso   stupore,   si   rese   conto   di   attirare   molti   giovani,   desiderosi   di   condividere   quella   vita   francescana;   nel   contempo,   la tiratura   della   stampa   aumentava   sempre   più.   Intanto,   il   2   ottobre   1922,   Il   cardinale   vicario   della   diocesi   di   Roma   approvò canonicamente la MI come “Pia Unione”. Niepokalanów Cinque   anni   dopo,   nel   1927,   diede   inizio   alla   costruzione   di   un   nuovo   convento   nei   pressi   di   Varsavia,   grazie   alla   donazione   di   un terreno da parte del conte Lubecki: gli diede il nome di Niepokalanów (“Città dell’Immacolata”). Quello   che   avvenne   negli   anni   successivi   ha   del   miracoloso:   dalle   prime   capanne   si   passò   ad   edifici   in   mattoni;   dalla   vecchia stampatrice   si   passò   alle   moderne   tecniche   di   stampa   e   composizione;   dai   pochi   operai   ai   762   religiosi   di   dieci   anni   dopo.   «Il Cavaliere dell’Immacolata», cui si aggiunsero altri sette periodici, raggiunse la tiratura di milioni di copie. In Giappone Con   l’ardente   desiderio   di   espandere   il   suo   Movimento   mariano   oltre   i   confini   polacchi   e   sempre   con   il   permesso   dei   superiori,   si recò   in   Giappone   dove,   dopo   le   prime   incertezze,   poté   fondare   il   convento   di   Mugenzai   no   Sono   (“Giardino   dell’Immacolata”)   a Nagasaki.   Il   24   maggio   1930   aveva   già   una   tipografia   e   si   spedivano   le   prime   diecimila   copie   di   «Mugenzai   no   seibo   no   kishi»,«Il Cavaliere   dell’Immacolata»   in   lingua   giapponese.   In   questa   città   si   rifugeranno   gli   orfani   di   Nagasaki,   dopo   l’esplosione   della   prima bomba atomica. Dal   29   maggio   al   24   luglio   1932   si   recò   a   Ernakulam,   sulla   costa   occidentale   dell’India,   per   verificare   la   possibilità   di   costruire   un terzo convento, poi tornò a Nagasaki. Il rientro in Polonia Per   poter   essere   curato,   fu   richiamato   in   Polonia   a   Niepokalanów,   che   era   diventata   nel   frattempo   una   vera   cittadina   operosa intorno   alla   stampa   dei   vari   periodici,   tutti   di   elevata   tiratura.   Con   i   762   religiosi   c’erano   anche   127   seminaristi.   Padre   Massimiliano Maria venne nominato padre guardiano di Niepokalanów nel 1936 e confermato in quell’incarico dopo tre anni. L’8   dicembre   1939   diede   vita   a   una   nuova   modalità   di   diffusione   del   suo   messaggio,   inaugurando   la   stazione   radio   SP3RN (Stazione Polacca 3 Radio Niepokalanów), della quale aprì personalmente le trasmissioni. La prima prigionia Ormai   la   Seconda   Guerra   Mondiale   era   alle   porte:   padre   Kolbe,   presago   della   propria   fine   e   di   quella   della   sua   opera,   preparò   a questo   i   suoi   confratelli.   Dopo   l’invasione   del   1°   settembre   1939,   infatti,   i   nazisti   ordinarono   lo   scioglimento   di   Niepokalanów.   A tutti   i   religiosi   che   partivano,   spargendosi   per   il   mondo,   egli   raccomandava:   «Non   dimenticate   l’amore».   Rimasero   circa   40   frati, che trasformarono la città in un luogo di accoglienza per feriti, ammalati e profughi. Il   19   settembre   1939   i   tedeschi   deportarono   il   piccolo   gruppo   rimasto   nel   campo   di   concentramento   di   Amtitz   in   Germania.   Furono inaspettatamente liberati l’8 dicembre, dopo aver cercato di cogliere la prigionia come occasione di testimonianza. Ritornati   a   Niepokalanów,ripresero   la   loro   attività   di   assistenza   per   circa   3500   rifugiati,   di   cui   1500   ebrei.   Durò   solo   qualche   mese: i   rifugiati   furono   dispersi   o   catturati.   Lo   stesso   padre   Kolbe,   dopo   aver   rifiutato   di   prendere   la   cittadinanza   tedesca   per   salvarsi, venne   rinchiuso   il   17   febbraio   1941   nella   prigione   Pawiak   a   Varsavia,   insieme   a   quattro   confratelli:   padre   Giustino   Nazim,   padre Urbano Cieolak, padre Pio Bartosik e padre Antonin Bajewski (questi ultimi due beatificati il 13 giugno 1999). Nel campo di Auschwitz Dopo   aver   subito   maltrattamenti   dalle   guardie   del   carcere,   indossò   abiti   civili,   perché   il   saio   francescano   li   adirava   moltissimo.   Il   28 maggio fu trasferito al campo di sterminio di Oswiecim(Auschwitz), dove ricevette il numero di matricola 16670. Condivise   la   sorte   e   le   sofferenze   di   molti   altri   prigionieri   e,   come   essi,   fu   addetto   ai   lavori   più   umilianti,   come   il   trasporto   dei cadaveri   al   crematorio.La   sua   dignità   di   sacerdote   e   uomo   retto,   che   sopportava,   consolava   e   perdonava,   fece   commentare   un testimone così: «Kolbe era un principe in mezzo a noi». Il martirio Alla   fine   di   luglio   fu   trasferito   al   Blocco   14,   dove   i   prigionieri   erano   addetti   alla   mietitura   nei   campi.   Uno   di   loro   riuscì   a   fuggire: secondo   l’inesorabile   legge   del   campo,   dieci   prigionieri   vennero   destinati   al   cosiddetto   bunker   della   fame   nel   Blocco   13,   condannati a   morire   senza   prendere   cibo.   Padre   Kolbe   si   offrì   in   cambio   di   uno   dei   prescelti,   Franciszek   Gajowniczek,padre   di   famiglia   e militare nell’esercito polacco, dichiarando di essere un sacerdote cattolico. La   disperazione   che   s’impadronì   di   quei   poveri   disgraziati,   rinchiusi   nel   bunker,   venne   attenuata   e   trasformata   in   preghiera comune,   guidata   da   padre   Kolbe.   Gradualmente   si   rassegnarono   alla   loro   sorte:   morirono   man   mano,   mentre   le   loro   voci   oranti   si riducevano   ad   un   sussurro.   Dopo   quattordici   giorni,   il   14   agosto   1941,   non   tutti   erano   morti:   rimanevano   solo   quattro   ancora   in vita,   fra   cui   padre   Massimiliano   Maria.   A   quel   punto   le   SS   decisero,   dato   che   la   cosa   andava   troppo   per   le   lunghe,   di   accelerare   la loro fine con una iniezione endovenosa di fenolo. Il francescano tese il braccio pronunciando le sue ultime parole: «Ave Maria». L’indomani il suo corpo venne bruciato nel forno crematorio e le sue ceneri si mescolarono a quelle di tanti altri condannati. La beatificazione La   storia   della   sua   vita   e   l’eroismo   con   cui   morì   resero   padre   Massimiliano   Maria   Kolbe   molto   famoso   in   tutto   il   mondo.   L’autorità della   Chiesa   ha   quindi   vagliato   attentamente   le   prove   in   merito   a   partire   dal   12   marzo   1959,   quando,   durante   il   Concistoro pubblico,   venne   esposta   in   presenza   del   Papa   san   Giovanni   XXIII   la   sua   causa   di   beatificazione:   fu   introdotta   il   16   marzo   1960,   ma non   per   indagare   il   martirio,   bensì   l’eroicità   delle   virtù.   Il   23   settembre   1961   fu   quindi   aperto   il   processo   apostolico   nella   diocesi   di Padova, cui si aggiunse quello nella diocesi di Cracovia; vennero convalidati il 6 giugno 1964. Secondo   la   legislazione   del   tempo   in   materia   delle   cause   dei   Santi   e   il   Canone   2101   dell’allora   Codice   di   Diritto   Canonico,   non   si poteva   procedere   con   la   discussione   sull’eroicità   delle   virtù   del   candidato   agli   altari   prima   che   fossero   passati   cinquant’anni   dalla sua   morte.   Tuttavia,   dietro   richiesta   comune   dei   vescovi   polacchi   e   tedeschi,   il   Beato   Paolo   VI   accordò   la   dispensa   il   13   novembre 1965. Il decreto con cui padre Kolbe otteneva il titolo di Venerabile venne dunque autorizzato il 30 gennaio 1969. Sempre   per   la   legislazione   dell’epoca,   occorrevano   due   miracoli   per   la   beatificazione:   indagati   nelle   rispettive   sedi,   vennero ufficialmente   riconosciuti   il   14   giugno   1971.   Il   17   ottobre   successivo,   proprio   nel   giorno   in   cui   si   ricordava   l’anniversario   di fondazione   della   MI   e   nel   corso   del   Sinodo   dei   vescovi   sul   sacerdozio   ministeriale,   papa   Paolo   VI   dichiarava   Beato   padre Massimiliano Maria. La canonizzazione come martire della carità Sette   anni   dopo,   ad   Assisi,   il   primo   Pontefice   polacco,   san   Giovanni   Paolo   II,   definiva   informalmente   il   Beato   Massimiliano   Maria Kolbe   “patrono   del   nostro   difficile   secolo”.   Ripeté   quell’affermazione   nell’omelia   della   Messa   presso   il   campo   di   concentramento   di Auschwitz-Birkenau del 7 giugno 1979. La   grande   stima   che   nutriva   per   lui   gli   fece   quindi   accogliere   favorevolmente   un’altra   richiesta   dell’episcopato   tedesco   e   polacco: che   venisse   venerato   come   martire.   Così,   il   10   ottobre   1982,   in   piazza   San   Pietro,   poté   ufficialmente   dichiararlo   Santo   “per testimonium   caritatis   heroicis”,   ossia   “in   base   all’eroica   testimonianza   della   carità”.   Inoltre,   si   tratta   del   primo   santo   che   visse   il martirio durante il regime nazista. L’eredità spirituale L’insegnamento   di   san   Massimiliano   Maria   Kolbe   è   stato   recepito   e   continuato   nella   Chiesa   anzitutto   dalla   Milizia   dell’Immacolata, che   nell’80°   anniversario   di   fondazione,   il   16   ottobre   1997,   è   stata   riconosciuta   associazione   pubblica   internazionale   di   fedeli.   Oggi, a   cent’anni   dai   suoi   inizi,   è   presente   nei   cinque   continenti,   in   46   paesi,   con   27   Centri   Nazionali   e   numerose   Sedi.   Il   totale   dei membri   iscritti   si   aggira   sui   quattro   milioni.   Anche   il   Cavaliere   dell'immacolata   è   diffuso   in   più   lingue   e   in   tutto   il   mondo.   Anche   le due Città dell’Immacolata in Polonia e in Giappone sono ancora operative. Inoltre   un   suo   confratello,   padre   Luigi   Faccenda,   ricevette   l’impegno   di   occuparsi   della   MI   a   Bologna,dopo   la   seconda   guerra mondiale.   Dopo   aver   riconosciuto   che   alcune   ragazze   iscritte   intendevano   vivere   la   consacrazione   a   Dio   seguendo   la   spiritualità mariana   e   missionaria   propria   del   Santo,   fondò   l’11   ottobre   1954   l’Istituto   Secolare   Missionarie   dell’Immacolata   Padre   Kolbe,   che ha ottenuto l’approvazione pontificia il 25 marzo 1992.
CENTRO NAZIONALE MILIZIA DELL’IMMACOLATA presso Collegio San Bonaventura - Seraphicum Via del Serafico, 1 - 00142 Roma - Tel. 06 51503273 redazionekolbe@gmail.com